Overblog Suivre ce blog
Administration Créer mon blog
3 avril 2015 5 03 /04 /avril /2015 11:27
IL MUSE mentre viene assemblato a terra
IL MUSE mentre viene assemblato a terra

Nuovo strumento innovativo, chiamato MUSE (Multi Unit Spectroscopic Explorer), installato con successo sul telescopio VLT (Very Large Telescope) dell'ESO all'Osservatorio del Paranal nel Cile settentrionale. MUSE ha osservato galassie lontane, stelle brillanti e altri oggetti di prova durante il primo periodo di osservazioni di grande successo. Dopo collaudo e accettazione preliminare in Europa nel settembre 2013, MUSE è stato spedito all'Osservatorio del Paranal dell'ESO in Cile. Rimontato al campo base prima di essere trasportato con cautela alla sua nuova sede al VLT, dove è ora installato sull'UT 4. MUSE è uno strumento della seconda generazione per il VLT (i primi due sono stati X-shooter e KMOS, mentre l'ultimo, SPHERE, verrà installato tra breve).Il ricercatore principale per lo strumento, Roland Bacon (Centre de Recherche Astrophysique de Lyon, Francia) così si è espresso: "C’è voluto tanto lavoro di molte persone e per molti anni, ma ce l'abbiamo fatta! Questa raccolta di ottica, meccanica ed elettronica da sette tonnellate, è diventata una fantastica macchina del tempo per sondare l'Universo primordiale. Siamo molto orgogliosi del risultato - MUSE rimarrà uno strumento unico nel suo genere per molti anni a venire." "Una musa serve per l'ispirazione. E davvero MUSE ci ha ispirato per molti anni e così continuerà a fare, -dice Bacon in un post- non c'è dubbio che molti astronomi da tutto il mondo saranno incantati da MUSE". Gli scopi scientifici di MUSE vanno dall'indagine delle prime epoche di vita dell'Universo per studiare i meccanismi della formazione delle galassie, all'analisi del moto della materia nelle galassie vicine e delle loro proprietà chimiche. Avrà molti altri impieghi, dallo studio dei pianeti e satelliti nel Sistema Solare alle proprietà delle regioni di formazione stellare nella Via Lattea fino all'Universo più distante. Mezzo di indagine potente e unico nel suo genere, MUSE utilizza 24 spettrografi per separare la luce nei suoi colori componenti per creare sia immagini che spettri di regioni scelte del cielo. Produce visioni 3D dell'Universo con uno spettro per ogni pixel come terza dimensione . Durante le successive analisi gli astronomi possono muoversi tra i dati e studiare diversi punti di vista dell'oggetto a diverse lunghezze d'onda, proprio come si può sintonizzare un televisore su un diverso canale usando una frequenza diversa. MUSE unisce il potenziale per le scoperte a un dispositivo per produrre immagini con la funzionalità di misura di uno spettrografo, nello stesso tempo sfruttando anche la nitidezza delle immagini prodotta dalle ottiche adattive. Lo strumento è montato sull'UT 4 del VLT, in fase di trasformazione per diventare un telescopio completamente adattivo. MUSE si deve a dieci anni di progettazione e sviluppo da parte del consorzio MUSE - con il Centre de Recherche Astrophysique de Lyon, Francia come capofila e gli istituti partner Leibniz-Institut für Astrophysik Potsdam (AIP, Germania), Institut für Astrophysik Göttingen (IAG, Germania), Institute for Astronomy ETH Zurich (Svizzera), L'Institut de Recherche en Astrophysique et Planétologie (IRAP, Francia), Nederlandse Onderzoekschool voor de Astronomie (NOVA, Paesi Bassi) e l'ESO. Dall'inizio del 2014, Bacon e il resto dell'equipe per l'integrazione e messa in servizio di MUSE al Paranal hanno registrato la storia di MUSE in una serie di post .

Repost 0