Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
20 octobre 2013 7 20 /10 /octobre /2013 18:08
Curiosity rover Curiosity-che-tocca-la-roccia-Jacke-M.jpgGli-strumenti-di-Curiosity.jpgUn-altro-strumento-di-Curiosity.jpgdella NASA sta rivelando molto su Marte , sui processi di tanto tempo addietro nel suo interno per l'interazione esistente tra la superficie di Marte e l'atmosfera.                                               

Esami di rocce sciolte , sabbia e polvere hanno fornito una nuova comprensione dei processi locali e globali su Marte . Analisi delle osservazioni e misurazioni con strumenti scientifici del rover durante i primi quattro mesi dopo l'agosto 2012 di atterraggio sono stati  dettagliati in cinque rapporti nel mese di settembre .Una scoperta fondamentale è che lemolecole d'acqua sono legati a particelle di terreno a grana fine , che rappresentano circa il 2 per cento del peso delle particelle del Gale Crater dove Curiosity è atterrato .Questo risultato ha implicazioni globali , perché questi materiali sono probabilmente distribuiti su tutto il pianeta rosso .Curiosity ha anche completato la prima analisi mineralogica completa su un altro pianeta con un metodo standard di laboratorio per identificare i minerali sulla Terra . I risultati sui componenti sia cristalline e non cristalline nel suolo forniscono indizi per la storia vulcanica del pianeta .                                                                                            Curiosity ha trovato molecole acqua legata a particelle fini del terreno. Informazioni sull' evoluzione della crosta marziana e le regioni più profonde all'interno del pianeta derivano dall’ analisi mineralogica di Curiosity di una roccia calcio – igneo, chiamata " Jake M. " .Ignea cioè formata da rocce da raffreddamento di materiale fuso che hanno avuto origine ben sotto la crosta . Le composizioni chimiche delle rocce possono essere usate per dedurre le condizioni termiche , di pressione o chimiche in cui sono cristallizzate .  "Nessuna altra roccia marziana è così simile alle rocce ignee terrestri - ha detto Edward Stolper del California Institute of Technology – e questo è un dato sorprendente perché rocce ignee di Marte precedentemente studiate si discostano sostanzialmente dalle rocce terrestri e da Jake M. " Altre quattro relazioni includono l'analisi della composizione e del processo di formazione di una roccia derivata dal vento di sabbia e da polvere , tutte elaborate da David Blake dell’ Ames Research Center della NASA.                Curiosity ha esaminato una roccia derivata , chiamata Rocknest , con cinque strumenti , preformando una analisi di laboratorio a bordo con campioni raccolti dalla superficie marziana . La roccia  derivata ha una storia complessa e comprende particelle di sabbia di origini locali , così come le particelle più sottili sono un campione di polvere marziana distribuita regionalmente o anche a livello globale .Il rover è dotato di uno strumento laser per determinare la composizione materiale da lontano. Questo strumento ha trovato che la componente a particelle fini sulla roccia derivata Rocknest corrisponde alla composizione di polvere trasportata dal vento e contiene molecole di acqua .                                                                                          Il rover ha testato 139 bersagli del terreno accanto a Rockneste altrove nel corso dei primi tre mesi della missione e l'idrogeno rilevato - che gli scienziati interpretano come l'acqua - ogni volta era legato a materiale di particelle fini ,secondo l’analisi del laser.                                                                           "La componente a grana fine del terreno ha una composizione simile a quella polvere distribuita tutto attorno a Marte , e ora sappiamo di più sulla sua idratazione e più che mai sulla sua composizione ", ha detto Pierre - Yves Meslin dell'Institut de Recherche en Astrophysique et Planetologie a Tolosa, in Francia - autore del rapporto sui risultati dello strumento laser. Un laboratorio interno di Curiosity ha utilizzato raggi X per determinare la composizione dei campioni tipo Rocknest . Questa tecnica , scoperta nel 1912 , è uno standard di laboratorio per l'identificazione minerale sulla Terra . L'apparecchiatura è stato miniaturizzata per adattarsi al veicolo spaziale che ha portato Curiosity su Marte , e questo ha prodotto benefici anche per i dispositivi portatili simili utilizzati sulla Terra. David Bish - Indiana University – è l’autore del rapporto sull’utilizzo di questa tecnica e dei suoi risultati su  Rocknest . L’analisi ai raggi X non solo ha identificato 10 minerali distinti , ma ha anche trovato inaspettatamente grande porzione della composizione di  Rocknest che  include ingredienti amorfi , piuttosto che minerali cristallini . Materiali amorfi , simili a sostanze vetrose , sono un componente di alcuni depositi vulcanici sulla Terra .Un altro strumento di laboratorio ha identificato le sostanze chimiche e gli  isotopi dei gas rilasciati dal riscaldamento di rocce tipo Rocknest in un piccolo forno . Gli isotopi sono varianti dello stesso elemento con differenti pesi atomici . Questi test hanno trovato che l’ acqua costituisce circa il 2 percento del suolo  e le molecole di acqua vengono associate ai materiali amorfi nel terreno .                                      " Il rapporto tra gli isotopi di idrogeno in acqua rilasciata dai campioni di suolo Rocknest, - ha detto Laurie Leshin del Rensselaer Polytechnic Institute- sottoposti al calore da forno, indica che  le molecole d'acqua collegati a particelle di terreno, provengono da interazione con l'atmosfera moderna , per le analisi effettuate con lo strumento di cottura .Cottura e analisi del campione Rocknest hanno anche rivelato un composto con il cloro e ossigeno, probabilmente clorato o perclorato ,  in precedenza conosciuto come esistenza su Marte solo in un sito ad alta latitudine . Questa scoperta al sito equatoriale di Curiosity suggerisce una distribuzione più globale .I dati ottenuti da Curiosity in quanto ai primi quattro mesi di missione del rover su Marte sono ancora in corso di analisi . 

Partager cet article

Repost 0
Published by giuseppebenanti.over-blog.com - dans astronomia
commenter cet article

commentaires