Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
31 octobre 2012 3 31 /10 /octobre /2012 11:55
Vasche-di-coltivazioni-algali-per-la-produzione-di-biodiese.jpgUna relazione fuori oggi dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) dellaUS National Academies dice che produzione su larga scala di biocarburanti da alghe è insostenibile con la tecnologia esistente, in quanto richiederebbe l'impiego di troppa acqua, energia e fertilizzante. Per migliorare la situazione, gli autori del rapporto suggeriscono che il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE), che supporta gran parte della ricerca in questo campo, dovrebbe condurre valutazioni delle tecnologie proposte che esaminano la sostenibilità in tutte le fasi della produzione energetica, inclusi crescita o la raccolta di alghe e la raccolta del loro olio e convertirlo in carburanti per il trasporto. Gli sforzi per rendere il biocarburante dalle alghe sono in corso per più di 3 decenni, e hanno raccolto valore considerevole negli ultimi anni. Il grande vantaggio delle alghe è che a differenza di biocarburanti tradizionali, come l'etanolo a base di chicchi di mais o zucchero, le alghe non entrano in concorrenza per i terreni agricoli da destinare alle colture alimentari. Essa ha anche il potenziale per la produzione di carburante fino a 10 volte di più per ettaro, secondo il DOE 2010 National Roadmap Technology per la produzione di biocarburanti dalle alghe. Ma ci sono approcci molti diversi sulla crescita delle alghe, come coltivare le piante microscopiche in stagni all'aperto poco profondi o in tubi di plastica che costituiscono ambienti chiusi, chiamati bioreattori. E l'industria è ben lungi dall'avere risolto il problema determinando un unico approccio a questa produzione. Non importa quale sia la strategia, però, il comitato ha concluso cheNRC cioè l’attuale tecnologia scalata, può arrivare a produrre fino 39 miliardi di litri l'anno, circa il 5% del carburante per le esigenze del trasporto negli Stati Uniti che quindi richiederebbe un livello insostenibile di ingressi. Le moderne tecnologie, -ha concluso il gruppo- per esempio, devono utilizzare tra 3,15 litri e3.650 litri di acqua per produrre la quantità di biocarburanti da alghe, pari a 1 litro di benzina. (Che è potenzialmente meno rispetto ai circa 5 litri a 2140 litri di acqua necessari per produrre un litro di etanolo dal mais, ma più di 1.9 litri a6.6 litri di acqua necessari per produrre un litro di petrolio a base di benzina.) Gli imprenditori segnalano che sarebbe anche necessario aggiungere tra 6 milioni e 15 milioni di tonnellate metriche di azoto e tra 1 e 2 milioni di tonnellate di fosforoper la produzione di 39 miliardi di litri di biocarburanti algali. Questo livello è tra il 44% e il 107% dell'utilizzo totale di azoto negli Stati Uniti, e tra il 20% e il 51% di utilizzo di fosforo della nazione per l'agricoltura. La buona notizia è che c'è ancora un enorme potenziale di miglioramento. "La commissione non considera nessuno di questi utilizzi -conclude il rapporto- un ostacolo definitivo riguardo la sostenibilità per lo sviluppo sostenibile dei biocarburanti algali in quanto le strategie di mitigare questi usi per ciascuna di tali preoccupazioni sono stati proposti e sono in fase di sviluppo". L'uso di acqua e sostanze nutritive aggiunte, per esempio, potrebbero scendere notevolmente se gli ingegneri trovassero dei modi per riciclare l'acqua usata e sostanze nutritive in modo efficiente, magari utilizzando acque reflue di origine agricola o comunali, ricche di nutrienti. Ma i biocarburanti algali per raggiungere il loro pieno potenziale, i ricercatori avranno bisogno di integrare questi ed altri progressi e assicurare che in ogni fase di produzione delle alghe si attui una conversione in combustibile, nel modo più sostenibile possibile.

Partager cet article

Repost 0
Published by giuseppebenanti.over-blog.com - dans scoperte scientifiche
commenter cet article

commentaires